Il catechismo

 

Cari fratelli e sorelle, il Catechismo della Chiesa Cattolica è molto importante per chi si professa cristiano. Ci aiuta a conoscere di più la nostra religione, a comprendere più in profondità la nostra fede e capire se stiamo agendo bene o male.

Siamo cristiani e dobbiamo istruirci e sapere di più sulle leggi di Dio e su quello in cui crediamo; seguendo il Catechismo abbiamo la certezza che i nostri comportamenti sono in conformità con la Chiesa, che ci porta alla salvezza, per la nostra condotta e secondo la giustizia di Dio.

Trovando un padre spirituale, abbiamo la garanzia di vivere una vita cristiana, giusta e vera, improntata alla santità.

Conoscendo profondamente i peccati mortali, i peccati veniali, i vizi capitali… possiamo anche renderci conto se abbiamo fatto una buona confessione e se siamo improntando la nostra vita per come vuole Dio; in questo ci aiuterà la lettura e la conoscenza del Catechismo, sempre con l’amore, la carità e il sacrificio.

Con amore fraterno

Dario.

 

PREFAZIONE SCRITTA DAL SANTO PADRE BENEDETTO XVI
A YOUCAT
,
SUSSIDIO AL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA
DESTINATO AI GIOVANI

Cari giovani amici!

Oggi vi consiglio la lettura di un libro straordinario. Esso è straordinario per il suo contenuto (…) questo libro è avvincente perché ci parla del nostro stesso destino e perciò riguarda da vicino ognuno di noi. Per questo vi invito: studiate il catechismo! Questo è il mio augurio di cuore. 

Questo sussidio al catechismo non vi adula; non offre facili soluzioni; esige una nuova vita da parte vostra; vi presenta il messaggio del Vangelo come la «perla preziosa» (Mt 13, 45) per la quale bisogna dare ogni cosa. Per questo vi chiedo: studiate il catechismo con passione e perseveranza! Sacrificate il vostro tempo per esso! Studiatelo nel silenzio della vostra camera, leggetelo in due, se siete amici, formate gruppi e reti di studio, scambiatevi idee su Internet. Rimanete ad ogni modo in dialogo sulla vostra fede!

Dovete conoscere quello che credete; dovete conoscere la vostra fede con la stessa precisione con cui uno specialista di informatica conosce il sistema operativo di un computer; dovete conoscerla come un musicista conosce il suo pezzo; sì, dovete essere ben più profondamente radicati nella fede della generazione dei vostri genitori, per poter resistere con forza e decisione alle sfide e alle tentazioni di questo tempo. Avete bisogno dell’aiuto divino, se la vostra fede non vuole inaridirsi come una goccia di rugiada al sole, se non volete soccombere alle tentazioni del consumismo, se non volete che il vostro amore anneghi nella pornografia, se non volete tradire i deboli e le vittime di soprusi e violenza.

Se vi dedicate con passione allo studio del catechismo (…)